Dirigenti donne

DIRIGENTI: DONNE IN AUMENTO (+33% DAL 2008), SONO IL 17% DEL TOTALE E IL 32% DEGLI UNDER 35

La ripresa dei dirigenti privati è tutta guidata dalle donne, oggi il 17,1% del totale e cresciute del 32,7% dal 2008 al 2017, a fronte di un calo del 10,3% degli uomini. Tra i quadri le donne sono già al 29,5%, 36,1% degli under 35. La classifica delle regioni e province più rosa vede prevalere in percentuale il Molise (27,7%) e Enna (54,7%), in assoluto la Lombardia (9.013) e Milano (7.223). Manageritalia, anche con il suo Gruppo Donne Manager, punta a fare della diversità, di tutte le diversità, la normalità vincente.
 
Siamo ancora lontani dalla parità, ma la corsa continua. Infatti, nel 2017, ultimo dato disponibile Inps, le donne sono il 17,1% dei dirigenti privati (erano il 16,6% l’anno precedente), ma ben il 31,7% tra gli under 35 e il 27,9% tra gli under 40. La loro forte crescita, in atto da anni, è continuata anche nell’ultimo periodo, che ha visto i dirigenti in calo per la forte crisi. Infatti, dal 2008 al 2017 i dirigenti privati sono diminuiti del 5%, -10,3% gli uomini e +32,7% le donne. Anche nell’ultimo anno (-0,1% 2016/2015) sono aumentate solo le donne (+2,6%), a fronte di un leggero calo degli uomini (-0,7%). Questi i dati esclusivi dell’ultimo Rapporto donne Manageritalia, atteso e puntuale ogni anno in occasione della festa della donna.

Ma che la rincorsa delle manager rosa sia in atto almeno a livello generale, anche se forse non così forte tra il top management, lo dimostra il fatto che già oggi nella fascia d’età sotto i 35 anni le donne dirigenti sono il 31,7% e in quella sotto i 40 anni il 27,9%.
Tra le regioni più “rosa” spiccano sul podio Molise (27,7%), Sicilia (25,4%) e Lazio (22,8%), seguono Basilicata (20,9%), Valle d’Aosta (19,2%) e Lombardia (18,8%). Tra le province emergono (Enna 54,7%), Messina (35,8%), Pavia (31,8%), Roma è decima col 23,1% e Milano diciassettesima col 19,4%. A livello assoluto Lombardia (9.013) e Milano (7.223) prevalgono nettamente su tutti con rispettivamente il 46,7% e il 37,4% delle donne dirigenti italiane.

E, se nelle regioni e province più piccole spesso il limitatissimo numero di dirigenti e le imprese familiari possono incidere non poco, in Lombardia e nel Lazio e nelle province più economicamente avanzate il fenomeno è indubbio e destinato ad aumentare. Come abbiamo visto, la Lombardia, Milano in testa con 7.223 donne dirigenti, è la regione con maggiore presenza numerica di dirigenti donne 9.013. Il Lazio segue con 4.058, ben 3.933 a Roma.
La crescita delle donne dirigenti è supportata dai numeri dei quadri privati, manager a tutti gli effetti e vero serbatoio per la futura dirigenza. Qui oggi le donne sono il 29,5% a livello generale, il 36,1% DIRIGENTI: DONNE IN AUMENTO (+33% DAL 2008), SONO IL 17% DEL TOTALE E IL 32% DEGLI UNDER 35

La ripresa dei dirigenti privati è tutta guidata dalle donne, oggi il 17,1% del totale e cresciute del 32,7% dal 2008 al 2017, a fronte di un calo del 10,3% degli uomini. Tra i quadri le donne sono già al 29,5%, 36,1% degli under 35. La classifica delle regioni e province più rosa vede prevalere in percentuale il Molise (27,7%) e Enna (54,7%), in assoluto la Lombardia (9.013) e Milano (7.223). Manageritalia, anche con il suo Gruppo Donne Manager, punta a fare della diversità, di tutte le diversità, la normalità vincente.

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter