Qualivita-Ismea 2018

#DOPECONOMY DA 15,2 MILIARDI, ANCORA CRESCITA DEL +2,6%

Veneto e Emilia-Romagna trainano il settore IG: Parma, Verona e Treviso le città più “ricche”

Presentanto a Roma, il Rapporto Qualivita-Ismea 2018, l'indagine annuale che contiene l’analisi e l’interpretazione dei più significativi fenomeni socio-economici del comparto food&wine italiano dei prodotti di qualità certificata DOP IGP STG, la #DopEconomy. Nato dall’integrazione delle competenze sviluppate dall’Osservatorio Qualivita e dall’Osservatorio Ismea e dalla collaborazione con AICIG, Federdoc, la novità del Rapporto 2016 è la presenza di un innovativo monitoraggio delle conversazioni digitali mondiali relative alle Indicazioni Geografiche effettuato sui canali Web e Social Media.
 
Il Ministro Centinaio: "Indicazioni Geografiche asse strategico del Paese"

Ancora primato mondiale per l’Italia che conta 822 prodotti DOP, IGP, STG registrati a livello europeo su 3.036 totali nel mondo (dati al 05/12/2018) con 4 nuovi prodotti registrati nel 2018.
Il comparto delle IG italiane esprime i risultati più alti di sempre anche sui valori produttivi - #DopEconomy- e per la prima volta supera i 15,2 miliardi di euro di valore alla produzione per un contributo del 18% al valore economico complessivo del settore agroalimentare nazionale. Se il settore agroalimentare italiano ha visto crescere il proprio valore del +2,1%, il settore delle DOP IGP ha ottenuto un risultato migliore pari al +2,6%.
Continua a crescere l’export delle IG made in Italy che raggiunge gli 8,8 miliardi di euro (+4,7%) pari al 21% dell’export agroalimentare italiano. Bene anche i consumi interni nella GDO che mostrano trend positivi con una crescita del +6,9% per le vendite Food a peso fisso e del +4,9% per il Vino. 
"I numeri - ha dichiarato il Ministro delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo Sen. Gian Marco Centinaio - delineano uno scenario chiaro, dietro il quale c’è la qualità delle nostre eccellenze, c’è la passione, il lavoro dei nostri imprenditori. Ci sono storie e tradizioni da preservare e continuare a tramandare. C’è il sistema Italia".

RAPPORTO COMPLETO

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter